La Storia

La storia che lega la famiglia Bianchini a quella del dolce tipico di Lamporecchio, il Brigidino, comincia nel 1910, quando Liberata Tofanelli inizia, con il figlio Pucciatto Bianchini, a recarsi nei paesi vicini con il cavallo ed il barroccio per vendere i brigidini. Negli anni ’50, alla morte di Pucciatto, è il giovane Iseno a proseguire l’attività di ambulante … (leggi)

I prodotti

Oltre la tradizione dei Brigidini, la ditta Bianchini ha sviluppato una innovativa ed originale ricetta che prende spunto da quella del tipico cantuccio toscano, dal quale si distingue per la maggiore sofficità. Artista nella produzione del torrone la ditta Bianchini ha trasformato il normale torrone in varie e fantasiose forme e confezioni, la più celebre delle quali … (leggi)

La leggenda

Non avendo dati certi sulla nascita del brigidino si fa riferimento alla leggenda popolare, la quale narra che questo venne preparato per la prima volta dalle monache di un convento di Lamporecchio devote a Santa Brigida  (patrona della Svezia), da cui il curioso nome Brigidino. Queste, essendo preposte per la preparazione delle ostie, misero insieme … (leggi)