Come possono le parole esprimere il gusto di qualcosa che pochi conoscono?

Una sottile ciambella dorata al gusto di anice, così appare il Berlingozzo, tipico dolce carnevalesco di Lamporecchio che oramai viene commercializzato durante tutto l’anno.

Con un impasto simile a quello del Brigidino si differenzia però completamente da quest’ ultimo per dimensioni, consistenza e sapore, il Berlingozzo Bianchini, si distingue totalmente anche dal più comune berlingozzo lievitato, con il quale non condivide nessuna caratteristica.

 

Le sue origini si rifanno all’epoca medicea ed il suo nome deriva dalla parola “berlingaccio”, con la quale si indica il giovedì grasso e da una maschera quattocentesca con lo stesso nome.

La tradizione che lega la ditta Bianchini al Berlingozzo dura da più di un secolo, ed ancora oggi come allora, ogni singola ciambella viene preparata manualmente sotto l’ esperta supervisione della cofondatrice dell’ Azienda, l’ormai ottantacinquenne Marisa Bonfanti .